I 18 azzurri convocati per l’86° CSIO di Piazza di Siena, pesano alcune assenze

15 maggio 2018 #news

Il selezionatore della nazionale italiana di salto ostacoli Duccio Bartalucci ha comunicato la rosa degli azzurri convocati per l’86° CSIO5* di Roma Piazza di Siena Master d’Inzeo in programma a Villa Borghese dal 24 al 27 maggio prossimo. Dei 18 nomi, dieci sono i convocati a titolo individuale, tra cui Michael Cristofoletti ed Emilio Bicocchi, argento e bronzo ai Campionati Italiani Assoluti. Giulia Martinengo, medaglia d'oro, è stata comunque convocata in squadra. Tre i posti sono stati riservati a cavalieri Under 25.


SQUADRA
Appuntato scelto Bruno Chimirri (Tower Mouche)
Aviere scelto Lorenzo De Luca (Ensor de Litrange LXII)
Carabiniere scelto Emanuele Gaudiano (Caspar 232)
1° aviere scelto Giulia Martinengo Marquet (Verdine Sz)
Aviere capo Luca Marziani (Tokyo du Soleil)

INDIVIDUALI
Antonio Alfonso (Chin Hin D Hyrencourt)
1° aviere scelto Emilio Bicocchi (Call Me)
Piergiorgio Bucci (Catwalk Z)
Michael Cristofoletti (Belony)
Gianni Govoni (Evenzo)
Appuntato scelto Massimo Grossato (Lazzaro delle Schiave)
Luca Maria Moneta (Connery)
Paolo Paini (Ottava Meraviglia di Ca’ San Giorgio)
1° Caporal maggiore Alberto Zorzi (Danique)
Paolo Adamo Zuvadelli (Chaccieny)

UNDER 25
Giacomo Casadei (My Forever)
Aviere scelto Giampiero Garofalo (Scara Mouche)
Luigi Polesello (Panama Tame)

I posti disponibili sono quello che sono, si sa; sono tanti i fattori da tenere in considerazione per una convocazione ambitissima, in vista della quale la maggior parte dei nostri cavalieri lavora per mesi. Scorrendo la lista, rileviamo che tuttavia dev’esserci stato un corto circuito, qualcosa che non capiamo del tutto: vi sono infatti due assenze importanti, che brillano di luce propria, se così si può dire. Come tutti sanno, lo scorso weekend si è svolto a Cervia il Test Event Seniores, con due gare alte, una disputata sabato 12 maggio, l’altra, il Gran Premio, domenica 13 maggio: la prima vinta da Francesca Arioldi con Uno-Cento, la seconda da Filippo Bologni con Lacan 2 (terzo e quarto posto per la Arioldi in GP, con Sellia du Bessin e Uno-Cento). Francesca è stata indicata come miglior cavaliere del concorso, seguita da Filippo. L’appuntamento a Le Siepi doveva servire per definire gli ultimi dettagli sugli azzurri da convocare a Roma, non aveva in sé altra ragione di esistere. Beh, pare non sia servito a questo scopo, qualcosa è cortocircuitato. Constatare questa assenza genera del dispiacere, in primis perché riguarda due under 25, che hanno lavorato e soprattutto hanno ottenuto risultati per arrivare a Piazza di Siena. Verranno magari chiarite in seguito le ragioni. Va detto che Bologni è stato convocato solo per partecipare allo Small Tour, alle competizioni n. 1, n. 4, n. 9: due categorie ad h 1,45 m e la 6 Barriere, con Quidich de la Chavee (sic est). Va da sé che sono troppo pochi i posti per i giovani, è proprio il caso di dirlo.

©B. Scapolo; riproduzione riservata;

 

Condividi:





error: © CavalDonato Communication. All right reserved.